Di nuovo a teatro con gli “Incompiuti”

Le mamme e i papà delle scuole di Brendola tornano in scena domani e venerdì con uno spettacolo che racconterà le avventure di Ulisse in modo originale e divertente

Tornano in scena gli “Incompiuti”, l’insolito gruppo teatrale nato dalla voglia di mettersi in gioco di un gruppo di mamme e papà brendolani.

Li avevamo visti in azione ad aprile con lo spettacolo “Bello!!! Si parte!!!” dedicato al tema del viaggio come via per conoscere e superare le barriere delle diversità culturali.

Adesso il gruppo torna in scena con “Oh disse Ea“, un viaggio sulla rotta delle avventure di Ulisse, ma riviste in chiave divertente e originale. La regia è ancora una volta affidata alla squadra di Theama Teatro, capitanata da Anna Zago e Daniela Padovan.

Lo spettacolo sarà riproposto con due rappresentazioni, la prima per i ragazzi della scuola media e la seconda in Sala della Comunità, aperta a tutti e a ingresso libero.

L’iniziativa gode del patrocinio dell’Amministrazione comunale.

 

Gli “Incompiuti”

Gli “Incompiuti” sono un gruppo di papà, mamme e insegnanti della scuola di Brendola, che con grande voglia di mettersi in gioco senza prendersi troppo sul serio hanno cominciati ad avvicinarsi all’affascinante mondo della recitazione davanti al pubblico dei bambini e ragazzi brendolani. Il laboratorio teatrale è un progetto partito a ottobre 2012 con il sostegno dell’Amministrazione Comunale di Brendola, proponendo incontri e prove settimanali durante tutto l’arco dell’anno scolastico. Il gruppo, ormai al quinto anno di attività, è rimasto pressoché invariato nel tempo, segno che superato l’imbarazzo iniziale è davvero un’esperienza da provare, e le porte proprio per questo restano aperte. Dallo scorso anno è anche attiva una proficua collaborazione con l’associazione Theama Teatro di Vicenza, e quindi tutti gli interessati saranno i benvenuti.

 

“Ancora una volta voglio ringraziare questo gruppo incredibile – aggiunge l’Assessore alla Cultura Alessia De Santi – che ha avuto il coraggio di cominciare questo percorso “nuovo” e ora lo porta avanti con un impegno e un entusiasmo contagiosi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *