Rinnovata la convenzione con la Sala della Comunità

vo_brendola

Cultura, rinnovata la convenzione con la Sala della Comunità. Il Comune si conferma al fianco della promozione della cultura brendolana.

L’amministrazione comunale rinnova il proprio impegno con la Sala della Comunità, una partnership che lega questo importante luogo degli eventi culturali cittadini con il comune dal lontano 1984, anno di stipula della primo accordo. La nuova convenzione proseguirà per i prossimi 5 anni, fino al 31 dicembre 2021, con la consueta facoltà di rinnovo per i 5 anni successivi.

La convenzione

Il Comune di Brendola si impegna quindi ad erogare all’associazione Sala della Comunità il contributo annuo previsto in euro 25.000 come riconoscimento del servizio pubblico svolto a favore della comunità e quale rimborso di costi di gestione per l’utilizzo della struttura, degli impianti e delle attrezzature. L’associazione da parte sua si impegna, per il periodo di durata della convenzione, a presentare al comune entro il 30 dicembre di ogni anno un bilancio di previsione, ed entro il 30 giugno il bilancio consuntivo con particolare riferimento all’utilizzo dei contributi comunali.

La Sala Della Comunità

L’inaugurazione della Sala, denominata “Sala parrocchiale del cinema”, avviene il 21 luglio 1957.

Le attività di proiezione dei film, organizzazione degli spettacoli teatrali e incontri pubblici erano gestite dai volontari coordinati dal parroco, don Giovanni Burati. Nel 1984 viene formalmente costituita l’associazione, con il nome di “Comitato Sala della Comunità”, il cui ruolo di guida viene ricoperto dallo storico presidente Carlo De Guio, tuttora in carica.

L’associazione offre oggi alla comunità brendolana un calendario ricco di eventi, grazie all’impegno della squadra di quasi 90 volontari che ogni anno si impegna nei compiti di organizzazione, amministrazione e nella gestione delle varie attività svolte. Un gruppo perfettamente integrato nel tessuto cittadino, che lavora in costante raccordo e sinergia con le moltissime associazioni di volontariato, l’assessorato alla cultura e i vari istituti scolastici, mettendo a disposizione i propri spazi e attrezzature.

“L’amministrazione comunale riconosce i valori di diffusione culturale e aggregazione sociale dell’attività svolta dall’associazione – dichiara l’assessore alla cultura Alessia De Santi -. Per questo motivo conferma il proprio sostegno nei confronti di questo che è uno dei luoghi di eccellenza della cultura brendolana e non solo, per poter proporre ai cittadini un programma di eventi completo che abbracci tutte le età e tutti i gusti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *