Porta il papà a teatro, applausi per la 26esima edizione

foto_derosa

Grande successo per i primi appuntamenti della confermatissima rassegna promossa dalla Sala della Comunità

La magia del teatro non ha davvero età. Lo dimostra il grande successo registrato dai primi appuntamenti da “Porta il papà a teatro”, la rassegna di spettacoli organizzata dall’associazione Sala della Comunità di Brendola per far conoscere e apprezzare la magica atmosfera del teatro ai grandi attraverso l’entusiasmo dei più piccini. Un ciclo di spettacoli dalle finalità principalmente educative, con diverse compagnie di tutta Italia che cercano attraverso i loro testi teatrali di insegnare ai piccoli spettatori, e magari anche ricordare alla parte adulta della platea, valori molto importanti quali l’amore ed il rispetto per il prossimo.

I primi due appuntamenti con Peter Pan e la storia a lieto fine dello scrittore senza cuore Zac sono già in archivio, avendo registrato come al solito una folta partecipazione di pubblico.

Il prossimo appuntamento nella Sala della Comunità di Vo’ di Brendola è quindi per domenica 20 novembre alle ore 16, quando la compagnia Theama Teatro di Vicenza porterà in scena lo spettacolo “Esmeralda e Quasimodo”. Ispirato al famoso romanzo Notre Dame de Paris di Victor Hugo e al balletto di Jules Perrot sulle musiche di Cesare Pugni, lo spettacolo è incentrato sulla figura della ballerina Esmeralda e del suo rapporto con il poco fortunato Quasimodo, il gobbo campanaro di Notre Dame. Lo spettacolo pone la propria attenzione sulle tematiche della comprensione della diversità e dell’accettazione dell’altro, nonché sulla capacità del mondo adulto di riconoscere e liberare le potenzialità individuali dei bambini e dei ragazzi.

Con “Porta il papà a teatro” insomma lo spettacolo teatrale torna a fare centro, anche grazie alla preziosa collaborazione degli “Incompiuti”, il gruppo teatrale di mamme e papà brendolani che si sono resi disponibili a introdurre la rassegna con la loro simpatica energia.

“Porta il papà a teatro – evidenzia l’assessore alla cultura Alessia De Santi – è un appuntamento atteso e irrinunciabile per tutti noi, bambini di ieri e di oggi. È una rassegna che si arricchisce ogni anno, e che molti ci invidiano, segno della qualità delle scelte e della competenza e della passione degli organizzatori, a cui va il mio grazie. Riuscire ad avvicinare i bambini al teatro è importante per formare nuovi spettatori ma anche per una pedagogia dell’arte e delle emozioni. Un grazie anche agli “Incompiuti” che sanno ben creare un’atmosfera giocosa e introdurre i bambini nel magico mondo del teatro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *