La “Vita imperfetta” di Fabio Cardullo, tornato a Brendola per il videoclip del suo brano

Fabio Cardullo_mezzafig01

Il 38enne cantautore vicentino, che ha vissuto a Brendola fino all’età di 20anni, ha da poco lanciato il nuovo album ‘Dagli alberi alle stelle’. Il video.

A Brendola ha passato gli anni dell’infanzia e della prima giovinezza, tanto da riconoscere di essere stato influenzato dalla sua gente e dai suoi panorami nel corso della sua nascente formazione artistica. Fabio Cardullo, oggi 38enne, però adesso è molto altro, anche se per il suo prossimo passo avanti, ha scelto in qualche modo di farne anche uno… indietro, ritornando nei posti della sua infanzia per girare il clip del suo nuovo brano “Vita imperfetta”. (foto Gian Pietro Cazzola)

IL VIDEOCLIP
“Vita imperfetta” rappresenta uno dei videoclip più intensi del percorso artistico dell’autore. Questo singolo punta a essere il biglietto da visita del nuovo album dal titolo “Dagli alberi alle stelle”, contenente in tutto dodici brani, disponibile ai concerti e su tutti gli store digitali.
Il videoclip Vita Imperfetta qui sotto, che apre le danze al disco completo, è pubblicato sul canale del Youtube del cantautore.

Fabio torna ad imbracciare la chitarra elettrica e regalando un lavoro senza precedenti per quanto riguarda il testo e le immagini, esprimendo con tutta la sua determinazione luci ed ombre del nostro tempo. Parlerà sinceramente di amore universale e commozione di fronte ai fatti della vita rimarcando il fatto che solo noi e nessun altro, possiamo togliere i rovi che ostacolano il nostro cammino. Un artista che rimane onestamente e volutamente lontano dal circo mediatico dai Talent Show ma non per questo rinuncia a pubblicare con ogni mezzo realizzazioni musicali che non hanno nulla da invidiare alle grandi produzioni discografiche. Il cantautore questa volta trova il suo teatro ideale all’interno di una enorme cava abbandonata per l’estrazione della pietra di Vicenza nella priara di San Valentino a Brendola, e apre la danze con la frase:
“Passiamo il tempo ad applaudire le bugie, convincersi che siamo belli dentro un’automobile, potessi farti fare un giro sulla mia…vita imperfetta”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questo è sicuramente tra i brani più rock che il cantautore abbia finora pubblicato e nel quale la chitarra elettrica, suonata e arrangiata dallo stesso Cardullo, riveste un ruolo determinante supportata con maestria da una sezione ritmica composta alla batteria da Luca Mantese e al basso da Gian Pietro Cazzola che oltre a dimostrarsi un valido bassista ha curato anche le riprese del videoclip.

La scelta di girare il videoclip all’interno di una ex cava abbandonata ha richiesto ingegnosi accorgimenti per il trasporto dei materiali tecnici e di scena necessari. In assenza di elettricità e trattandosi di ambienti e caverne completamente al buio sono stati utilizzati dei fari a led, assemblati ad hoc per l’occasione e alimentati da un paio di batterie per automobile.

All’interno del video, alternandosi all’esibizione musicale dell’artista, compare a sorpresa la figura di Senza Volto, uno dei personaggi più misteriosi del film di animazione ‘La città incantata’ del famoso regista Hayao Miyazaki. “E’ un omaggio personale ad un regista e disegnatore che amo e che seguo molto” racconta Fabio.

IL DISCO – DAGLI ALBERI ALLE STELLE
In concomitanza con la pubblicazione del videoclip esce su tutti gli store digitali il nuovo disco dal titolo ‘Dagli alberi alle stelle’.
‘Dagli alberi alle stelle’ è un viaggio musicale che cerca di restituire importanza al valore del nostro contatto con il cielo delle stelle e con la terra degli alberi, fonte di esempi e di messaggi metaforici utili a sanare in nostri conflitti personali e sociali.

Il lavoro è iniziato l’anno scorso con il singolo e videoclip ‘Gli alberi di Istanbul’ con il quale l’artista ha voluto ricordare i fatti avvenuti in Turchia nel maggio 2013, costati la vita a 9 persone per la difesa dei 600 alberi dell’oasi verde Gezi Park, in pieno centro ad Istanbul. Il disco prosegue e si completa con i brani ‘Di la’, ‘Vita imperfetta’, ‘Green Revolution’, ‘Il bullo’ e due nuove e avvincenti versioni di brani già noti al pubblico quali ‘Dal mulino’ e ‘Siepe Quadrata’, registrati in studio con la Fabio Cardullo Band composta da Luca Mantese alla batteria, Gian Pietro Cazzola al basso, Giuliano Cremasco al pianoforte, Antonio Cunico all’armonica blues e le coriste Veronica Zatti e Carla Cavaliere.

Per la registrazione del brano ‘Green Revolution’ è stata utilizzata anche la Lampion Guitar, la chitarra in materiali riciclati che il cantautore ha costruito personalmente e tuttora utilizzata durante le performance dal vivo.

All’interno del nuovo disco anche il brano ‘Aspettando l’avvenire’: scritto di recente e registrato all’ultimo minuto, è forse il brano più visionario e che meglio rappresenta il significato profondo di questa produzione, insieme all’ultimo brano in scaletta dal titolo ‘La civiltà’ che chiude il cerchio di quello che apparentemente si presenta come un concept album ma che in realtà apre le porte ad un’infinità di dimensioni tutte da esplorare.

Oltre alle date di presentazione di questo disco il cantautore sta già preparando un nuovo spettacolo dal titolo ‘I Tarocchi musicali’ attraverso il quale i brani di questo nuovo disco e di tutti gli inediti finora mai pubblicati troveranno un significato straordinariamente compiuto. Qui il sito ufficiale del cantautore.

PROSSIMI CONCERTI:
Dom 07 giugno – Guest House La Tramontana – Valmarana (Vi) ore 15

Sab 04 luglio – Officine Green FESTIVAL – Villa Caldogno – Caldogno (Vi) ore 18.30

Dom 05 luglio – Parco delle Cascate – Calvene (Vi) ore 15

Lun 27 luglio – PERAROCK – Perarolo (Vi) ore 21.30

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *