La biblioteca di Brendola entra nella RBV

Sottoscritta la convenzione con Rete Bibliotecaria Vicentina (RBV), il nuovo organo di gestione delle biblioteche della provincia.

L’Amministrazione comunale di Brendola ha sottoscritto una convenzione con la neonata Rete Bibliotecaria Vicentina (RBV), inserendo così la biblioteca civica comunale nel circuito provinciale che gestisce gli scambi e i prestiti dei libri e del materiale documentale.

Un accordo sottoscritto per offrire ai cittadini un servizio sempre più efficiente e calato in un sistema di rete provinciale completo e funzionale, ma anche e soprattutto per la semplificazione della gestione dei servizi della biblioteca, grazie alla stipula di un contratto con un unico fornitore per la gestione del software e dei servizi bibliotecari. Il contratto è comprensivo anche del servizio di trasporto interbibliotecario e catalogazione che erano precedentemente affidati al Centro Servizi Provinciale per le Biblioteche.

RBV – Rete Bibliotecaria Vicentina

La Rete Bibliotecaria Vicentina (RBV) nasce per la volontà dei comuni che fanno parte del servizio bibliotecario provinciale vicentino di perseguire le finalità di coordinamento, crescita e sviluppo armonico della rete.

Il soggetto capofila è la Biblioteca Bertoliana di Vicenza, che come tale è chiamata a gestire il residuo quota frutto di questa cooperazione oltre che alla pulizia del catalogo.

La convenzione

L’impegno dei soggetti firmatari, è finalizzato alla reciprocità dello scambio alla pari di libri e materiale documentale.

La convenzione prevede i seguenti punti:

– Ogni comune si impegna all’acquisto di almeno 100 unità documentarie per ogni 1000 abitanti all’anno.

– Viene richiesta la partecipazione ai gruppi di acquisizione coordinata per razionalizzare la scelta dei documenti da acquistare.

– Va garantita la partecipazione al trasporto librario per due giri settimanali.

– Viene chiesto di rispettare la normativa vigente (artt. 33 e 28 della L.R.50/84) relativa agli orari di apertura e al personale.

Inoltre, i comuni che già fanno parte del SBPV, si impegnano a mettere a disposizione della RBV il residuo pro quota per le funzioni assunte con la presente convenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *