Coro femminile, buona la prima

Ha registrato una grande partecipazione il primo incontro tra le coriste interessate a partecipare al nuovo progetto avviato dai Musici di Brendola

Coro femminile, buona la prima. È proprio il caso di dirlo, dopo il primo incontro tra le voci femminili interessate a prendere parte al nuovo progetto avviato dal maestro Paolo Bacchin e dal direttivo dei Musici di Brendola. All’appuntamento si sono presentate in 16, dai 14 anni fino alla 60ina, tutte interessate a dare voce alla propria passione per la musica.

Il progetto del coro femminile era stato lanciato ancora durante l’estate e non sono mancate fin da subito le entusiastiche adesioni. Durante l’appuntamento le partecipanti hanno approfittato dell’ora e mezza a disposizione per conoscersi e poi per provare un primo facile riscaldamento vocale, con cui prendere contatto con la nuova esperienza di gruppo.

“Come prima serata di conoscenza per noi “Musiche” – così le ha ribattezzate simpaticamente la corista Maria Berica Bauce –  direi che il progetto promette più che ottimamente. Il maestro è simpaticissimo e coinvolgente, e non vediamo l’ora che sia il 27 ottobre per il nostro prossimo appuntamento musicale. Intanto ripassiamo e cantiamo il canone facendo bene il compito per casa. Allora che musica sia!”

Il prossimo appuntamento è infatti in programma giovedì 27 ottobre, sempre dalle 19 alle 20.30 alle ex scuole di San Vito. Orari e giorni delle lezioni successive saranno poi concordati in base alla disponibilità delle partecipanti.

“Sono particolarmente contenta che questo progetto sia finalmente partito – sottolinea il vicesindaco Barbara Tamiozzo -. Più volte in passato ho infatti amichevolmente ‘punzecchiato’ il precedente maestro dei Musici ad aprire alle donne, e adesso questa iniziativa sta diventando una realtà. Faccio quindi un grande in bocca al lupo a tutte”.

Chi volesse saperne di più può contattare il maestro Bacchin all’indirizzo mail paolobacchin73@gmail.com o Dario Muraro al numero di telefono 338 56 54 634.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *