Consultazioni europee: l’elezione è anche a domicilio. Il voto come diritto più forte della disabilità

Unknown

Il voto a domicilio è la possibilità, in occasione di elezioni, di esprimere la preferenza direttamente da casa, per gli elettori che si trovano in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, o affetti da gravissime infermità che ne impediscono l’allontanamento dalla propria abitazione.

L’Amministrazione Comunale segnala alla cittadinanza che anche a Brendola è possibile ricorrere a questa modalità. È sufficiente presentare all’ufficio elettorale – una dichiarazione in carta libera in cui si avanza la richiesta indicando indirizzo completo e recapito telefonico – la fotocopia della tessera elettorale – un certificato medico rilasciato dal funzionario medico della Ulss che confermi lo stato fisico inidoneo all’allontanamento dall’abitazione.

La domanda, corredata da completa documentazione, va presentata entro lunedì 5 maggio, consegnata direttamente in Comune da un familiare, spedita via posta ordinaria o inviata all’indirizzo mail demografici@comune.brendola.vi.it.

Da quando è attiva tale possibilità una sola richiesta è pervenuta all’ufficio elettorale di Brendola; nessuna domanda invece in occasione delle ultime amministrative del 2013. Il voto sarà raccolto (nelle stesse ore in cui è aperta la votazione) dal presidente del seggio elettorale di sezione, con l’assistenza di uno degli scrutatori del seggio e del segretario.

Per informazioni è a disposizione l’ufficio elettorale al numero di telefono 0444 406 567, al quale sarà possibile avanzare anche richiesta per il voto assistito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *